Costiera Amalfitana

Vietri sul Mare – Amalfi Coast

Vietri sul Mare, capitale indiscussa della ceramica artistica.

L’abitato della marina è dominato dalla cinquecentesca Cupola della Chiesa di San Giovanni Battista, rivestita da centinaia di “scandole”, maioliche a forma di pesce di tre colori: giallo, verde e azzurro. L’effetto iridescente delle maioliche non passa inosservato, nè da terra, nè da mare: fa, anzi, del tempio dedicato al Patrono il simbolo stesso di Vietri.

Vietri sul Mare Informazioni utili.

Vietri è conosciuta sin dall’antichità come città etrusca. Successivamente il sito fu occupato dai Sanniti, dai

Lucani e poi dagli antichi Romani. L’arte della fabbricazione della ceramica risale a tempi antichissimi e si è perfezionata nel tempo fino alla produzione di oggetti che sono degli autentici capolavori, apprezzati in tutto il mondo.

Vietri sul Mare

La ceramica è dappertutto. Si può girare per ore a leggere, e osservare, la storia della vita quotidiana dei vietresi (e dei marinesi – così sono chiamati gli abitanti della Marina) dipinta sulla ceramica. Le decine di botteghe vendono di tutto. Vale la pena di vistarle tutte, perchè ognuna ha il proprio laboratorio, le proprie idee e i propri colori: e oltre ai piatti del classico “buon ricordo”, alle mattonelle, ai portavaso, alle tazzine e ai bicchieri da limoncello, ai lumi, alle lanterne e ai posacenere, spuntano i “coccetti profumati”, impregnati chissà come degli odori della Costiera.

E ancora: crocifissi colorati, uova portafortuna, portafiammiferi, anfore e soprammobili, ma anche colamozzarelle e spugnabiscotti, tisaniere e caffettiere napoletane. Si trova ceramica persino sulle spiagge se si scava nella sabbia: variopinti cocci di “riggiole” (le piastrelle), di piatti, di statuine, frammenti di una tradizione che risale alla costruzione di fornaci romane.

[mappress mapid=”27″]

Il territorio di Vietri sul Mare è articolato in sei borghi. Della Marina si è già abbondantemente detto. Gli altri sono: Albori, Raito, Benincasa, Dragonea e Molina.

Albori, a 3 chilometri dalla Marina, è un grappolo di case appeso ai pendii della Costiera Amalfitana, quasi tutte sormontate da cupole di sapore arabo, di fronte all’anfiteatro naturale rappresentato dalle gole del Falerio. Un piccolo capolavoro di urbanistica, inserito dal Touring Club nell’elenco dei borghi più belli d’Italia. Su una di queste terrazze affacciate sull’incanto della Costa Diva, nelle sere d’estate si può gustare una caratteristica “bruschetta” (fette di pane abbrustolito condite con i prodotti tipici locali) sorseggiando un frizzante vinello e facendosi conquistare dal fascino dei luoghi. Molto bella la Chiesa di Santa Margherita di Antiochia (XVI secolo), da non perdere un’escursione naturalistica alla Sorgente di San Cesareo.

Raito è introdotto da un pannello di ceramica, firmato Giancappetti, che informa i visitatori della salubrità dell’aria. Appollaiato su una collina a due chilometri dal centro di Vietri, questo caratteristico borgo ha origini antichissime e ospita due bellissime chiese. Quella dedicata al culto di Santa Maria delle Grazie ha al proprio interno elementi romanici e barocchi e ospita la Cappella del Monte dei Marinai impreziosita da affreschi della Scuola del Solimena. La chiesetta di San Vito fa parte del complesso di Villa Guariglia. Dal rigoglioso parco della residenza dell’ambasciatore si gode una vista incantevole del golfo di Salerno.

Benincasa, altro borgo collinare, è meno charmante di Albori e Raito, ma offre comunque una veduta mozzafiato dell’intera Costa d’Amalfi. Una decina di edicole votive disseminate lungo le stradine del paese testimoniano la devozione degli abitanti a San Francesco di Paola, che si sarebbe raccolto in preghiera nella seicentesca chiesa della Madonna delle Grazie durante un pellegrinaggio di fede nel sud Italia. All’interno del tempio c’è un quadro che sarebbe una sorta di autoritratto del Santo, anche se non ci sono certezze. Sull’altare maggiore, molto bello un paliotto con un bassorilievo raffigurante la Visitazione.

Dragonea è la più alta delle frazioni di Vietri. Qui è nato Gabriele Fasano, che nel 1689 tradusse in napoletano “La Gerusalemme Liberata” del grande sorrentino Torquato Tasso. Il borgo cominciò a svilupparsi durante il periodo delle invasioni barbariche della Marina. Il nome viene fatto risalire alla posizione geografica, oltre il fiume Bonea, che è il corso d’acqua che attraversa Vietri. Da visitare l’antica chiesa (XI secolo) di San Vincenzo. La chiesa parrocchiale di San Paolo, riconsacrata solo una trentina di anni fa, conserva l’altare maggiore settecentesco, sovrastato da due tele raffiguranti la conversione di San Paolo e la Pentecoste; la scala di accesso è in pietra vesuviana, le decorazioni del soffitto sono in oro. Il borgo offre la possibilità di salutari escursioni naturalistiche attraverso la gola di San Cesareo, strada di collegamento montana con l’Avvocatella di Cava de’ Tirreni.

Molina deve il nome all’antica presenza di mulini ad acqua, che erano alimentati dai numerosi affluenti del fiume Bonea. Conserva i resti di un antichissimo acquedotto (Ponte del Diavolo), ai piedi del quale sorge la caratteristica chiesetta della Madonna dell’Arenella. Per il resto, la frazione è stata quasi completamente ricostruita dopo la tremenda alluvione che colpì Salerno nel 1954 e che qui produsse danni ingenti.

Dormire vicino Vietri sul Mare..

Seguici su Facebook per restare aggiornati sulle Novità!!

  Il bed and breakfast “IL FAUNO” a solo 20 minuti da Vietri sul Mare, vi aspetta con le sue comode camere dotate di ogni comfort (bagno privato, wifi), parcheggio gratuito e ricca colazione (anche senza glutine)!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità online e Prenota con conferma immediata!

Prenota Ora la tua camera
 Per altre info o un preventivo personalizzato puoi anche contattarci VIA EMAIL oppure WhatsApp: 327 3543655 

Ravello Amalfi Coast

Ravello Amalfi Coast : ovvero la terrazza più bella del mondo.

Le terrazze di Villa Rufolo e Cimbrone, dalle quali è possibile ammirare un panorama mozzafiato, incantarono Greta Garbo e Wagner, in onore del quale, ogni anno, si svolge il Festival Internazionale di Musica, che ha reso Ravello la città della musica in Costiera Amalfitana.

Ravello Amalfi Coast Informazioni Utili..

Paese silenzioso e chic, fu un fiorente centro di attività commerciali già tra l’XI ed il XII secolo. È un terrazzo proteso sul mare nei Monti Lattari, dal quale si gode uno scenario di bellezze naturali unico al mondo.

Ravello Amalfi Coast

Dai suoi belvedere, in particolare quello dedicato alla Principessa del Piemonte, la Costiera Amalfitana si presenta in una visione di sogno. Circondato dalla natura smagliante, adagiato in suggestiva posizione su uno sperone roccioso che divide la valle del torrente Dragone da quella del torrente Reginna in uno dei punti di più ampia vista sul golfo, domina da un’altezza di 350 mt il mare azzurro della Costiera Amalfitana.
[mappress mapid=”26″]

Ogni angolo di questa città rapisce per sempre il cuore e la mente del visitatore. Il nostro itinerario comincia con i monumenti religiosi.

Il Duomo dedicato a San Pantaleone, risalente al IX secolo, ostenta la sua storia già attraverso la porta bronzea, realizzata nel 1179 a Costantinopoli e trasferita via mare come quelle della cattedrale di Amalfi e della chiesa di San Salvatore ad Atrani. Diviso in 54 riquadri rappresentanti santi, leoni e grifi, il portone si spalanca sulle tre navate paleocristiane con colonnati e pulpiti di rara bellezza.

Il convento di San Francesco e la chiesa di S. Maria a Gradillo, quest’ultima risalente al XII secolo, costituiscono un unico complesso che era la sede di discussione dei nobili ravellesi. All’interno del tempio avveniva l’investitura del capitano generale dell’intero Ducato di Amalfi.

Ma Ravello Amalfi Coast è giustamente famosa nel mondo per le sue spettacolari residenze storiche.
Poco oltre il Duomo, una torre rettangolare segnala l’ingresso a Villa Rufolo, complesso di costruzioni risalenti alla seconda metà del Duecento, edificata dalla più ricca famiglia ravellese: quella del mercante Landolfo Rufolo. Nel 1851 il complesso passò allo scozzese Francis Neville Reid, che ebbe il merito di valorizzare i giardini che si affacciano sul mare, raggiungibili attraverso un viale che si snoda all’entrata. Il panorama da vertigini, che incantò Wagner nel 1880, ha fatto finora da sfondo al Festival Internazionale di Ravello Amalfi Coast.
L’altra residenza panoramica è Villa Cimbrone, che nel 1904 fu acquistata da Ernest William Beckett il quale, con maestranze locali in quindici anni trasformò quel fondo rustico in una villa dove magicamente s’intrecciano la più affascinante antichità e la più concitata modernità.

Al di sotto della parte terminale del contrafforte, ben incastonata nella roccia si erge la Rondinaia, che per più di mezzo secolo è stata la storica residenza del grande scrittore americano Gore Vidal. Della veduta che si gode dalle sue terrazze, che spazia da Punta Campanella a Punta Licosa, abbracciando Capri, la Penisola Sorrentina e il Golfo di Salerno, rimase strabiliata anche Jacqueline Kennedy, first lady americana, ospite dello scrittore durante la visita di Stato a Napoli di John Fritzgerald Kennedy.

La Città della musica, che ha ammaliato i più grandi scrittori, poeti, musicisti e paesaggisti di Otto e Novecento, si è dotata anche di uno spazio ad hoc per i concerti e le manifestazioni spettacolari.
L’auditorium di Ravello Amalfi Coast, realizzato su un progetto del grande architetto brasiliano Oscar Niemayer, punta a favorire la destagionalizzazione del Festival, che così diventa permanente, con concerti anche nei mesi invernali. All’auditorium si accede da una piazza oblunga che consente di godere, al tempo stesso, dello strepitoso panorama dell’edificio. Nella sala, il posto per il pubblico sfrutta il declivio naturale del terreno; il posto per l’orchestra e il foyer sono arditamente aggettanti nel vuoto come il palco di Villa Rufolo, ma senza sostegni. La perfezione è assicurata dall’edificio concavo come la perfetta cassa armonica di un mandolino e il paesaggio è godibile attraverso l’ampia vetrata di accesso e dall’oblò dietro l’orchestra. Il lato opposto all’ingresso, meno finestrato, protegge l’Auditorium dalle costruzioni confinanti e, visto dall’esterno, allude alle radici storiche del paese attraverso la silhouette che ricorda un elmo medievale. L’entrata dell’Auditorium è protetta da una copertura in forma spettacolare, per conferire al progetto un aspetto nuovo, capace di creare la sorpresa desiderata. Per consentire ai passanti di avere una veduta più completa dell’Auditorium, è stata disegnata una piazza, arricchita da un magnifico panorama, che costituisce, indipendentemente dall’Auditorium stesso, un luogo d’incontro di particolare interesse.

Dormire vicino Ravello Amalfi Coast

Seguici su Facebook per restare aggiornati sulle Novità!!

  Il bed and breakfast “IL FAUNO” a pochi km da Ravello Amalfi Coast e dalla Costiera Amalfitana, vi aspetta con le sue comode camere dotate di ogni comfort (bagno privato, wifi), parcheggio gratuito e ricca colazione (anche senza glutine)!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità online e Prenota con conferma immediata!

Prenota Ora la tua camera
 Per altre info o un preventivo personalizzato puoi anche contattarci VIA EMAIL oppure WhatsApp: 327 3543655 

Praiano Amalfi Coast

Praiano Amalfi Coast è uno splendido agglomerato urbano che si mimetizza tra i terrazzamenti coltivati a limoneti…

Famosa in tutto il mondo per i suoi paesaggi di grande suggestione e per una quiete quasi innaturale che rapisce l’anima anche al viaggiatore più disincantato, Praiano è uno splendido agglomerato urbano che si mimetizza tra i terrazzamenti coltivati a limoneti, dove il tramonto assume tonalità dorate.

Informazioni Utili Praiano Amalfi Coast..

Due paesi in uno che si affacciano sul mare della Costiera: da un lato lo sguardo segue il verso sinuoso della costa fino alla torre di Conca, dall’altro invece si perde fino ai colli di Fontanelle.

Praiano Amalfi Coast

Ma l’ubriacatura di scorci mozzafiato non è l’unica essenza di questi luoghi. Basta spingersi infatti presso la marina della Praia per riprendere contatto con la realtà dopo il lungo sogno ad occhi aperti. Qui, attraverso una stradina che costeggia il mare, si arriva fin sotto la Torre di Praia, antica fortificazione, come tante altre di cui la Costiera è disseminata, posta a difesa dell’abitato contro le minacce dei Saraceni.
[mappress mapid=”25″]

Anche la storia di Praiano è ricostruibile attraverso i suoi monumenti religiosi. Risalendo verso la Statale, la direzione da seguire è quella della Chiesa Parrocchiale di S. Luca Evangelista. Nel tempio sono conservati una reliquia del santo, un busto d’argento del 1694, tele del pittore Giovanni Bernardo Lama (La Madonna col Bambino e Francesco di Paola); la Madonna del Carmine, la Circoncisione; tele di Padovano di Montorio del 1572. Di grande interesse il pulpito ligneo, con pitture rappresentanti S. Pietro e S. Paolo; l’altare maggiore, il pavimento con le sue “riggiole” settecentesche che rappresentano angeli, putti, stemmi e fiori.

Particolare interesse destano anche la chiesa di Costantinopoli e il Monastero di Santa Maria a Castro, arroccato sul monte che domina la frazione di Vettica e abitato da monaci domenicani. Infine, l’altra chiesa parrocchiale dedicata a San Gennaro. Risalente al 1400 (fu poi ricostruita nel 1600) in essa si possono ammirare numerose opere, tra cui un’Annunciazione del 1696, il Martirio di San Bartolomeo di Giovan Bernardo Lama e la Sacra Famiglia (fine XVI sec.)..

Dormire vicino Praiano Amalfi Coast….

Seguici su Facebook per restare aggiornati sulle Novità!!

  Il bed and breakfast “IL FAUNO” a pochi km da Praiano Amalfi Coast e dalla Costiera Amalfitana, vi aspetta con le sue comode camere dotate di ogni comfort (bagno privato, wifi), parcheggio gratuito e ricca colazione (anche senza glutine)!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità online e Prenota con conferma immediata!

Prenota Ora la tua camera
 Per altre info o un preventivo personalizzato puoi anche contattarci VIA EMAIL oppure WhatsApp: 327 3543655 

Positano Amalfi Coast

Positano Amalfi Coast colpisce profondamente. E’ un posto di sogno che non vi sembra vero finchè non ci siete ma di cui sentite con nostalgia tutta la profonda realtà quando l’avete lasciato…

Per vivere la favola bella di una notte sola si consiglia di passeggiare per le stradine del centro e fare una tappa a piedi scalzi sulla spiaggia grande, cena romantica a lume di candela in uno dei ristoranti che sorgono a ridosso dell’arenile, in faccia al mare. Per finire, aspettare l’alba fissando l’orizzonte, alle spalle dell’isola de Li Galli.

Positano Amalfi Coast Informazioni Utili..

Il dedalo di stradine, dominate dalla cupola maiolicata della chiesa di Santa Maria Assunta, è un vero e proprio percorso artigiano on the road con le inimitabili “pezze” che fanno da poliedrico arredo.

Positano Amalfi Coast

La Moda Positano, così estrosa con i suoi pizzi e voile, è il fiore all’occhiello di un paese che ha basato sull’artigianato tipico gran parte dell’economia.

Abiti, accessori rigorosamente cuciti e dipinti a mano, i sandali in vero cuoio modellati su misura sono i souvenir per eccellenza, sempre presenti nella borsa del turista al suo “addio” da questa perla della costiera.
[mappress mapid=”24″]

Per gli amanti del mare, Positano propone, oltre alla spiaggia Grande, la spiaggia di Fornillo. A tre miglia di distanza dalla costa si ergono Li Galli, o Sirenuse, piccolo arcipelago, composto da tre isolotti: il Gallo lungo, la Rotonda e il Castelluccio. Salire sull’isola, diventata proprietà privata, è impossibile. Ma nulla vieta di ammirarla in tutta la sua bellezza dal mare, magari con una mini crociera intorno a quella che fu la dimora di Leonide Massine prima e Rudolf Nurejev poi. Affascinanti sono i fondali che costeggiano l’isola.

Il Sentiero degli dei è uno dei percorsi più belli e più suggestivi di Positano. Il sentiero va dalla Caserma Forestale, da dove si sale, a Capo Muro. Qui si può ammirare una roccia denominata “il Fungo”. Il percorso si sviluppa poi in discesa per riprendere la risalita e ridiscendere di nuovo alla Crocella. Infine, le frazioni. E’ Montepertuso il più grande tra i due borghi montani di Positano, a 400 metri sul livello del mare. Fondata all’epoca delle incursioni saracene, prende il nome da un enorme pertugio che si trova sulla parte più alta e attraverso il quale, nei mesi estivi, penetrano i raggi del sole e della luna.

Il 2 luglio, in occasione della Madonna delle Grazie, si rappresenta l’allegoria del nome con una festa tra il sacro e il profano: la leggenda narra che la montagna fu bucata dal dito della Madonna che così creò l’arco naturale in cui precipitò il maligno. Nocelle, a 450 metri sul livello del mare, fu fondata dai positanesi mandati lì per dissodare il terreno. I 120 abitanti del villaggio il 31 dicembre aspettano l’alba mangiando intorno a un enorme falò acceso sul sagrato della Chiesa della Madonna del Carmelo. Il cenone è aperto a tutti. Laurito è invece la frazione più antica di Positano, chiamata così per la vegetazione spontanea, in tempi passati, delle piante di lauro.

Dormire vicino Positano..

Seguici su Facebook per restare aggiornati sulle Novità!!

  Il bed and breakfast “IL FAUNO” a pochi km da Positano Amalfi Coast e dalla Costiera Amalfitana, vi aspetta con le sue comode camere dotate di ogni comfort (bagno privato, wifi), parcheggio gratuito e ricca colazione (anche senza glutine)!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità online e Prenota con conferma immediata!

Prenota Ora la tua camera
 Per altre info o un preventivo personalizzato puoi anche contattarci VIA EMAIL oppure WhatsApp: 327 3543655 

Minori Amalfi Coast

Minori Amalfi Coast, cittadina costiera tra le più belle della provincia di Salerno…

In Costiera Amalfitana, al centro di un’ampia insenatura, si trova Minori, cittadina costiera tra le più belle della provincia di Salerno, un’ambita meta turistica per il giusto connubio tra offerta alberghiera, monumenti, tradizione e gastronomia tipica amalfitana..

 

Informazioni Utili Minori Amalfi Coast…

Tra il lungomare di Maiori e quello di Minori, centro ricco di storia, tradizioni e suggestioni paesaggistiche, non c’è praticamente soluzione di continuità. Città del Gusto ma, soprattutto, città di mare, Minori è accoccolata ai piedi dei monti Lattari. Secondo la tradizione, qui sarebbe nata la pasta.

Minori Amalfi Coast

Gli ingredienti ci sono tutti: il sole, il giusto tasso di umidità per l’asciugatura dell’impasto e un sapiente quanto abile uso della manualità, tramandata di generazione in generazione. Tradizionali sono anche la coltura dei limoni a terrazzamenti, che forniscono la materia prima per il delizioso Limoncello della Costa d’Amalfi, e la lavorazione della carta (si conservano ancora oggi le antiche cartiere).
Passeggiare per le strade del centro e perdersi tra i vicoletti intrecciati è una piacevole parentesi vacanziera. Minori Amalfi Coast è ricchissima di monumenti, in primis naturalmente quelli religiosi. Il percorso non può non partire dall’Arciconfraternita del SS. Sacramento, un edificio ad aula unica che custodisce un coro ligneo e un altare marmoreo del 700.

Imponente la Basilica di Santa Trofimena, che custodisce le spoglie mortali della Santa, Protettrice della città. Il tempio, di tipico impianto settecentesco, fu ricostruito dalle fondamenta sui resti di un’antica chiesa romanica. Sull’altare principale si può ammirare la “Crocifissione”, attribuita a Marco Pino da Siena, importante esponente della cultura manierista italiana. Nelle due navate si aprono diverse cappelle, all’interno di una di esse si trova la tela della Madonna del Rosario, uno dei primi esempi del culto mariano in costiera. La cripta a tre navate, restaurata nel ‘700, presenta sull’altare un’urna di alabastro scolpita nel 1772 dal marmoraro napoletano Ragozzino, dove si conservano le reliquie della Santa.
[mappress mapid=”23″]

Minori Amalfi Coast è giustamente famosa per un imponente insediamento di epoca imperiale che attrae annualmente migliaia di visitatori. I resti della Villa Marittima Romana, risalente al I secolo d.C., sorgono sul limitare estremo del lungomare di Minori, in direzione di Amalfi. Non si conosce il nome del gentiluomo che la fece costruire: di sicuro era persona di notevoli possibilità finanziarie e di alto livello culturale e di gusto, vista la scelta progettuale del complesso e del suo apparato decorativo. Costruita al livello del mare, nel suo piano inferiore la villa racchiude tra le ali del portico un viridarium, al cui centro è una vasca, in asse con la grande, monumentale, apertura verso mare e con l’ambiente più importante del piano, il grande triclinioninfeo ai cui lati simmetricamente si sviluppa l’intero pianterreno.Le suspensurae di un ambiente riscaldato e frammenti di mosaici pavimentali fanno identificare ambienti anche al piano superiore, totalmente distrutti però dai rifacimenti posteriori. La Villa infatti ha avuto diversi restauri e rimaneggiamenti. Nel III secolo fu il riufacimento del triclinio con l’aggiunta dei banconi in muratura e del mosaico ed il rinnovo parziale della decorazione pittorica. In epoca ancora successiva, si suppone, alcuni degli ambienti furono ridotti da tramezzature.

Prima di lasciare Minori, concedetivi un giro per le sue pasticcerie. Tante e famose sono le specialità dolciarie create dai maestri artigiani del posto. Tra tutte, in particolare, si distinguono le leccornie a base di limone, come: la Torta Delizia, la Profitterolle, i Bocconcini di Babà al Limoncello, il Tiramisù al Limone. Tutte decorate con le foglie di questo agrume così tipicamente costiero.

Sotto le stelle di Minori Amalfi Coast da anni, in piena estate, va in scena una delle più accreditate rassegne jazzistiche della Penisola. Jazz on the Coast, infatti, richiama le migliori Jazz Band in circolazione e, ovviamente, migliaia di appassionati della “musica nera” provenienti da tutta Italia..

Dormire vicino Minori Amalfi Coast…

Seguici su Facebook per restare aggiornati sulle Novità!!

  Il bed and breakfast “IL FAUNO” a pochi km da Minori Amalfi Coast e dalla Costiera Amalfitana, vi aspetta con le sue comode camere dotate di ogni comfort (bagno privato, wifi), parcheggio gratuito e ricca colazione (anche senza glutine)!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità online e Prenota con conferma immediata!

Prenota Ora la tua camera
 Per altre info o un preventivo personalizzato puoi anche contattarci VIA EMAIL oppure WhatsApp: 327 3543655