Napoli Sotterranea..viaggio nel sottosuolo della città

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Napoli Sotterranea…Viaggio nel sottosuolo di Napoli..

La visita dell’Associazione Napoli Sotterranea si svolge al di sotto di p.za San Gaetano all’interno delle grandi cavità realizzate dai Greci per recuperare materiale tufaceo da destinare alla costruzione delle mura e dei templi e all’interno dei numerosi ambienti utilizzati come ipogei funerari.

Informazioni Utili Napoli Sotterranea…

Ogni epoca, dalla fondazione della Neapolis alle bombe della seconda guerra mondiale, ha lasciato traccia sulle mura di tufo giallo, pietra con cui la città è costruita.
A quaranta metri di profondità sotto le vocianti e caratteristiche vie del centro storico di Napoli, si trova un mondo a parte, per molto ancora inesplorato, isolato nella sua quiete millenaria eppure strettamente collegato con la città.
E’ il grembo di Napoli, da cui essa stessa è nata. Visitarlo significa compiere un viaggio nel tempo lungo duemila e quattrocento anni.
Di Napoli tutti apprezzano le eccezionali bellezze, la cultura e l’arte, ma pochi conoscono la storia del sottosuolo. Solo da qualche anno l’interesse dei napoletani si e’ indirizzato anche verso esso, pur se ancor oggi non se ne possiede una sufficiente conoscenza. L’opera dell’ Associazione Napoli Sotterranea è tutta tesa al recupero del sottosuolo e della sua valorizzazione. Il sottosuolo di Napoli è nato con la città e con essa è cresciuto ed oggi ci troviamo di fronte ad una vera e propria storia di Napoli sotterranea.

Napoli Sotterranea

Come raggiungere Napoli Sotterranea

Piazza San Gaetano 68 Napoli
Telefono: (+39) 081 29 69 44
Cellulare: (+39) 340 4606045

[mappress mapid=”2″]

I primi manufatti di scavi sotterranei risalgono a circa 5000 anni fa, quasi alla fine dell’era preistorica. Successivamente i greci prelevarono grosse quantità di tufo per la costruzione di mura e templi e scavarono numerosi ambienti per creare una serie di ipogei funerari. E’ il caso della cava greca che lo speleologo Enzo Albertini, presidente della suddetta associazione, dopo anni di ricerche sotterranee, riportò alla luce,a circa 40 mt di profondità al di sotto del cimitero di Santa Maria del Pianto. Da tale cava i greci prelevarono tutto il materiale tufaceo per la costruione della Neapolis del IV sec a.c., lasciando sulle pareti monogrammi e graffiti identici a quelli ritrovati sulla cints muraria a piazza Bellini ed a via Foria. Continuarono i Romani che costruirono in epoca augustea un grandioso acquedotto e gallerie viarie: grotta di Cocceio e grotta di Seiano.

Agli inizi del 1600 la città era talmente estesa che il vecchio acquedotto e le innumerevoli cisterne pluviali non riuscivano più a spegnere la sete. Fù così che nel 1629 un facoltoso nobile napoletano, il Carmignano, costruì un nuovo acquedotto. Agli inizi del 1900 si cessò di scavare nel sottosuolo per l’approvigionamento idrico, abbandonando così una rete di cunicoli e cisterne di oltre 2 milioni di mq. che attraversava in lungo e in largo la città. Lo scoppio della seconda guerra mondiale ed i conseguenti bombardamenti ridiede importanza al sottosuolo, le cui gallerie vennero utilizzate come ricoveri antiaerei. Attualmente, parte di queste cavità non sono più raggiungibili perchè ostruite da detriti scaricati abusivamente da pozzi che collegavano strade e palazzi al sottosuolo, soffocandone così l’enorme interesse storico-culturale per la nostra città.

Il teatro nascosto, all’improvviso spunta da un “basso”. Papino Stazio in una lettera alla moglie esalta i templi e una grande piazza porticata, forse l’area del Foro e fa esplicito riferimento a due grandi teatri nella città, quello all’aperto e quello al coperto, ubicati nell aparte superiore del Foro, alle spalle dell’area sacra del tempio dei Dioscuri. A testimoniare tale presenza basta percorrere via Anticaglia dove si possono vedere due massicce arcate che in epoca romana erano strutture di rinforzo dell’esterno del teatro.Scendendo nel sottosuolo si potranno ammirare altre meraviglie e, armati da un po’ di immaginazione, si potrà capire la grandezza di questo teatro, tra i più importanti e ampi del tempo,grazie all’impegno professionale di Enzo Albertini che ha riscoperto e valorizzato quanto oggi e’ possibile ammirare. Persino Nerone volle esibirsi qui, presentando le opere da lui composte nella città, l’unica rimasta di lingua e di cultura greca. Gli scrittori antichi raccontano che assoldò spettatori compiacenti tra la plebe per farsi applaudire, e nemmeno un terremoto fece interrompere il suo canto.

Dalla bottega di un falegname ecco rispuntare una parte del teatro di NERONE. Nel cuore di Napoli,  in Vico Cinquesanti, appena a ridosso dell’ agorà,  del foro(oggi Piazza San Gaetano) , dove fino a qualche tempo fa c’era la bottega di un falegname adesso e’ possibile visitare un sito di grande fascino, un altro frammento del teatro romano. Nello spazio ristretto di 150 mt quadrati, ma dalla considerevole altezza di 12, c’è quel che resta della “summa cavea”,ovvero l’anello superiore della gradinata di quel teatro dove nel 64 d.c. si esibiva Nerone. All’interno è stata allestita anche un’esposizione presepiale con 30 scarabattoli del 1700. Infatti nel ’700 il presepio Napoletano visse la sua stagione d’oro. Usci’ dalle chiese dove era stato oggetto di devozione religiosa, per entrare nelle case dell’aristocrazia e divenire oggetto di un culto ben piu’ frivolo e mondano. Il re Carlo III aveva una vera passione, così tanto da partecipare personalmente e coinvolgere famiglie e corte nella realizzazione e vestizione di pastori e nel montaggio dell’enorme presepe del Palazzo Reale.

Il Presepe assume una sua configurazione ben precisa: le figure sone realizzatecon manichini in filo metallico ricoperto di stoppa, le teste e gli arti sono il legno dipinto, che poi sarà gradualmente sostituito dalla terracotta policroma. Erano figurati in ogni modo gli episodi narrativi evangelici, la nascita nella grotta-stalla (con l’influsso pre-romantico essa diventerà una capanna appoggiata ai ruderi di un antico tempio, allegoria non tanto velata al crollo del paganesimo) con la Madonna seduta su di un sasso e San Giuseppe in piedi. Le scene presepiali si snodano tra ruderi di muratura Romana all’ombra del Opus Compositum, quello originale però, tentando e riuscendo in una sinergia assoluta, ad unire passato e presente che si incontrano e fluiscono l’uno nell’altro in perfetta sintonia con la storia del centro storico della città, dove allo strato greco si è sovrapposto il romano, pi quello medievale fino ad arrivare all’ultimo che risale al 1600. Infatti i lnesso tra la scenografia del Presepe allestito tra resti romani e la Summa Cavea è proprio la muratura, il famoso opus Compositum. Lo spettatore si ritroverà ad ammirare in miniatura resti romani all’ombra di quelli originali del teatro.


10,00-11,00-12,00-13,00
14,00-15,00-16,00
17,00-18,00
(giovedì ore 21,00 solo su prenotazione raggiungendo un minimo di 5 persone)

Escursioni in inglese:
10,00-12,00-14,00-16,00-18,00
(giovedì ore 21,00 solo prenotazione raggiungendo un minimo di 5 persone)

Per gruppi inferiori a 10 persone non è necessaria la prenotazione.

Escursioni in altre lingue, gruppi o escursioni fuori dagli orari di apertura solo su prenotazione.

Telefono: (+39) 081296944
Cellulare: (+39) 3404606045
Cellulare: (+39) 328 6763984
Cellulare: (+39) 333 3180477

Email: info@napolisotterranea.org

Approfitta del bed and breakfast Pompei “IL FAUNO” per visitare Napoli Sotterranea, da cui dista solo 25 minuti ..vi aspetta con le sue comode camere dotate di ogni comfort (bagno privato, wifi) e parcheggio interno gratuito! !

Seguici su Facebook per restare aggiornati sulle Novità!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità online e Prenota con conferma immediata!

Prenota Ora la tua camera
 Per altre info o un preventivo personalizzato puoi anche contattarci VIA EMAIL oppure WhatsApp: 327 3543655 

Comments

comments

You may also like