Piazza del Plebiscito

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Piazza del Plebiscito è senza dubbio la piazza più nota di Napoli…

Ma anche la più grande e la più rappresentativa. Eppure fino ai primi anni Novanta era ridotta ad un grande parcheggio, mentre l’area antistante il Palazzo Reale era una strada a più corsie.

Piazza del Plebiscito Informazioni Utili..

Il nome della piazza celebra il Plebiscito con cui il 21 ottobre 1860 l’Italia Meridionale, l’allora Regno delle due Sicilie, si univa al Piemonte dei Savoia. Prima di tale data, la piazza era denominata largo di Palazzo, perchè si estendeva proprio davanti al Palazzo Reale.

Napoli -Piazza del Plebiscito- 2010-by-RaBoe-56

La Piazza del Plebiscito è ben delineata nei suoi spazi da quattro costruzioni: la chiesa di San Francesco di Paola, il Palazzo Reale, il Palazzo Salerno ed il Palazzo della Foresteria. Al centro della piazza sono collocate due statue equestri di Antonio Canova, raffiguranti Ferdinando I e Carlo III di Borbone.

L’area della piazza, una volta denominata largo di Santo Spirito ancora prima di assumere l’attuale disposizione, era sempre stata adibita a grosse celebrazioni, manifestazioni e feste popolari.

Ancora oggi, riprendendo l’antica tradizione, Piazza del Plebiscito ospita le manifestazioni più importanti della città, come la celebrazione del Capodanno, la nuova festa di Piedigrotta, concorsi ippici internazionali, concerti, manifestazioni politiche e financo i festeggiamenti per i successi sportivi della squadra di calcio del Napoli.

Nel 1885 al centro della piazza venne installata una monumentale fontana disegnata da Federico Travaglini per inaugurare il nuovo acquedotto del Serino. La fontana, in seguito smontata, ritornò nella piazza cento anni dopo, nel 1985, in occasione del centenario dell’inaugurazione dell’acquedotto e anche questa volta la fontana dopo l’anniversario scomparve.

Nel 1963 un’ordinanza comunale trasformò la piazza in un parcheggio pubblico per far fronte all’incremento incontrollato di autovetture in città. La piazza rimase così deturpata (accolse perfino un ampio cantiere per la realizzazione della Linea Tranviaria Rapida verso la fine degli anni ottanta) fino a quando nel 1994, in occasione del vertice dei G7, la giunta Bassolino le restituì dignità pedonalizzandola in toto.

Approfitta del bed and breakfast Pompei “IL FAUNO” per visitare Napoli e le sue piazze, da cui dista solo 20 minuti ..vi aspetta con le sue comode camere dotate di ogni comfort (bagno privato, wifi) e parcheggio interno gratuito! !

Seguici su Facebook per restare aggiornati sulle Novità!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità online e Prenota con conferma immediata!

Prenota Ora la tua camera
 Per altre info o un preventivo personalizzato puoi anche contattarci VIA EMAIL oppure WhatsApp: 327 3543655 

Comments

comments

You may also like